Una domanda?
Bisogno di aiuto?

image

Phenom Asbestosmetric

Software dedicato all'analisi dell'amianto

Il software Asbestosmetric permette di analizzare automaticamente fino a nove filtri di amianto aerodisperso. L’algoritmo brevettato è in grado di riconoscere e misurare le fibre di amianto, lasciando all’operatore il compito di verificarne la composizione tramite analisi EDX.

Il software segue lo standard europeo ISO 14966 che prevede di analizzare un filtro opportunamente campionato e metallizzato, acquisendo circa 100 campi non sovrapposti e scelti in maniera causale. All’interno di ogni campo vengono ricercate le fibre che rispondono ai requisiti morfologici indicati nello standard ISO 14966 (lunghezza > 5 µm, lunghezza < 3 µm e rapporto > 3:1). La posizione e l’immagine di ciascuna fibra rilevata vengono memorizzate e permettono all’operatore di ritrovarla per eseguire l’analisi EDX, a seguito della quale la fibra può essere identificata come amianto oppure scartata, indicando nel caso il minerale specifico.

Al termine dell’analisi viene generato un report che riporta il numero e la tipologia di fibre rilevate.

Brochure Specifiche Phenom Asbestosmetric
Elevata produttività

Il software Asbestosmetric garantisce elevata produttività: l’operatore deve solo caricare i campioni, nominarli, definire il numero di campi da analizzare per ogni filtro e premere start. Una volta finita la fase automatizzata di acquisizione e processamento delle immagini, l’operatore dovrà solo rivedere le fibre sospette e determinarne la natura tramite EDX.

Caratteristiche e vantaggi
  • Conforme allo standard ISO 14966
  • Acquisizione automatica delle immagini, rilevazione e misura delle fibre
  • Analisi elementale EDX assistita
  • Veloce e semplice da utilizzare
  • Massima produttività
  • Ottima accuratezza e ripetibilità
  • Reportistica completa
Requisiti
  • Phenom XL equipaggiato con detector BSD, SED ed EDS
  • Phenom ProSuite
  • Software AsbestoMetric
  • Area di scansione 100 x 100 mm
  • Porta campioni standard e inserto per filtra da 9x25 mm

  

Come implementare una sorgente FEG in un SEM compatto: storia della nascita di un prodotto

Vi consigliamo l’articolo pubblicato Sulla rivista scientifica Microscopie, dedicato al primo SEM compatto con Sorgente FEG


La preparazione del campione: come disperdere la polvere per ottenere immagini SEM ad alta risoluzione

A mano a mano che la tecnologia della produzione additiva prende sempre più piede, la capacità di analizzare particelle diventa sempre più importante. Oltre alla massimizzazione dei rendimenti, i produttori devono infatti garantire che i loro processi forniscano costantemente particelle di dimensioni e morfologia appropriate. Vediamo come utilizzare il sistema di dispersione a vuoto Nebula™ per disperdere campioni di polvere allo scopo di analizzare particelle singole con il software della Thermo Fisher Scientific.

Richiedi informazioni sul prodotto

Ho letto e compreso la Privacy Policy

 Accetto il trattamento dei dati per l'invio di informative tecniche e inviti agli eventi.